MILANO, ZONA 2, SCOPPIA LA PROTESTA. Nava (FI) e Sardone (FI) a fianco dei cittadini esasperati dai rom

Scoppia la protesta nel quartiere Adriano. Centinaia di cittadini (circa 400) esasperati dalla massiccia presenza di rom nella zona con numerosi microinsediamenti e occupazioni hanno organizzato un presidio spontaneo e autonomo nel quartiere. Le centinaia di persone hanno girato i punti critici del quartiere dove nomadi e sbandati si sono insediati occupando parcheggi e edifici abbandonati

foto 3“La situazione nel quartiere – commenta Silvia Sardone, membro della segreteria regionale di Forza Italia Lombardia e consigliere di zona – è sempre più allarmante. Il malessere e la preoccupazione dei cittadini sono aumentati nei mesi in maniera proporzionale al disinteresse in Comune. In Via Trasimeno, in particolare, da mesi è stata approvata una barriera rom (su mia proposta) per impedire l’accesso a decine di caravan e camper di rom nel parcheggio accanto al parchetto. Nonostante l’appoggio anche della maggioranza l’intervento (dai costi irrisori) è colpevolmente bloccato dal Comune che evidentemente non ha a cuore i cittadini della zona. Il disagio degli abitanti del quartiere già degradato – conclude Sardone – è crescente e compito della politica è ascoltare le proteste per cercare di rispondere alle esigenze dei cittadini. In zona ci sono decine di microinsediamenti abusivi ma Palazzo Marino è sordo e cieco sul problema. La propaganda del Comune e le false promesse di inclusione e integrazione hanno veramente stancato, i cittadini non si bevono più gli slogan di Palazzo Marino ed esigono risposte. L’ideologia buonista dei “fratelli rom” è alla base di un fallimento clamoroso dell’amministrazione, incapace di rispondere all’emergenza nel quartiere, simbolo delle periferie dimenticate da Pisapia”

“Finalmente i cittadini del Quartiere Adriano – commenta Marzio Nava, capogruppo di Forza Italia in zona 2 – si organizzano e cercano di fare sentire la loro voce a fronte di un sindaco e di una maggioranza che non vedono i problemi e non sentono le pressanti richieste di intervento che provengono dalla cittadinanza. Sono moltissimi i problemi che attanagliano il quartiere Adriano e negli ultimi mesi si e’ aggiunto anche il dilagare delle occupazioni abusive e della microcriminalità come prodotto della negligenza e della incuranza di questo sindaco fantasma e di una maggioranza in consiglio di zona totalmente incapace a di fornire qualsiasi risposta alla cittadinanza. Oltre ai tavoli di incontro e alle feste, questa maggioranza dovrebbe dare anche qualche risposta concreta. Dopo tre anni nulla di tutto questo. Ritornano prepotentemente alla memoria solo le promesse fatte dalla sinistra vociante e ideologica in Campagna elettorale. Sindaco Pisapia – conclude Nava – se ci sei batti un colpo”

Otello Ruggeri per La Critica