MILANO, 100.000 MATTONCINI DI LEGO. Tanti ne sono serviti per realizzare la riproduzione del Duomo

Per colpa di chi non la ama, passiamo troppo tempo a parlare delle brutture di cui da qualche anno a questa parte è teatro, piuttosto di fermarci ad ammirarla come meriterebbe. Probabilmente dovremmo essere stranieri, come l’autore dell’opera (perché di questo si tratta) ritratta nelle foto, per apprezzare Milano senza farci condizionare dal pensiero di tutto quello che stanno passando lei e i suoi abitanti.

1Certo, una costruzione composta da centomila mattoncini Lego, – un gioco per bambini – non un’impresa come quella della Veneranda Fabbrica che dal XIV secolo progettò e costruì e continua ad occuparsi della manutenzione del Duomo, ma ha in se una leggerezza, un eco di tempi più sereni, che la rende senz’altro un’opera da ammirare.

2Parliamo della riproduzione in mattoncini realizzata dall’artista inglese Duncan Titmarsch. Una scultura in due esemplari che Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano e Sea, ospiteranno, dal 2 aprile, nel Grande Museo del Duomo e presso l’Area Schengen dell’aeroporto di Milano Malpensa.

 3La scultura è alta circa 1.10 metri, è lunga 1.80 metri e pesa più di 60 chili. Replica fedelmente colonne, rosoni e guglie del Duomo di Milano, utilizzando solamente mattoncini Lego. Per ultimarla sono stati necessari mesi di lavoro di un team di cinque persone gestite direttamente dall’artista Lego Certified Professional.

Ci commuove quasi che qualcuno metta tanto impegno per onorare quello che in tutto il mondo è considerato il simbolo della nostra città, sapessero farlo anche quelli che ci amministrano staremmo sicuramente tutti meglio.

Otello Ruggeri