A Milano Pisapia vieta il dissenso: satira accettabile solo se colpisce il centro-destra

1465151_10201768651753919_551509275_nLa Lega ha deciso di mettere sotto gli occhi di tutti i cittadini, quello che loro, noi e pochi altri organi di stampa denunciamo da mesi: la giunta Pisapia incapace di gestire il bilancio della città e schiava dei propri clientelismi, ha ridotto la Milano sul lastrico e per porvi rimedio non sa fare altro che mettere le mani in tasca ai cittadini.

Per farlo ha annunciato che coprirà i muri della città di manifesti con un fotomontaggio di Pisapia-Dracula intento a succhiare il denaro dei contribuenti, e la scritta “Il sindaco Giuliano Pisapia mette le mani nelle tasche dei milanesi milanesi”.

L’iniziativa prenderà il via lunedì, dopo che alle 17.30 si sarà tenuta una manifestazione di protesta in piazza della Scala, lì saranno distribuiti anche parte dei 50mila adesivi col fotomontaggio del sindaco intento a portar via il portafogli dalla tasca di un milanese, fatti stampare dalla Lega.

Quest’ultima idea non è però andata giù hai supporter di Pisapia che come da copione di regime trovano la satira divertente solo se è diretta verso il centro-destra, in particolare Berlusconi, madre compresa s’intende. A mettere in guardia la Lega ci ha pensato Mirko Mazzali, consigliere comunale del SEL, che ha avvertito: “Salvini rifletta prima di mettere in giro manifesti diffamatori, si eviti rogne giudiziarie, che nel suo partito non mancano”.

Quelli della Lega ovviamente non si sono scomposti più di tanto, limitandosi a fare sapere che trovano triste vedere la sinistra agitare le manette. Sentimento che condividiamo con loro. Poca cosa è chi non sa ridere di se stesso, sopratutto se passa il tempo a far versare lacrime amare al proprio prossimo.

Otello Ruggeri per Italia Post