Pisapia: “Figli alle coppie gay”. Non si può essere d’accordo

“I comunisti mangiano i bambini!”… quante volte l’avrete sentito dire. Si tratta di una battuta ovviamente, sono lontani i tempi in cui qualche ingenuo avrebbe potuto credere che fosse vero, ma qui a Milano, anche se non li mangiano, gliene fanno comunque passare di tutti i colori. Per un anno nelle mense scolastiche sono stati serviti piatti disgustosi, hanno tolto loro lo scuolabus, subiscono le conseguenze dei tagli allo stato sociale, ci mancava solo il sindaco a metterci il carico sopra, con le sue balzane teorie su come potrebbe essere costituita la famiglia in cui crescono.

”Sono d’accordo con la possibilità di far adottare dei figli anche alle coppie omosessuali. […] Meglio avere dei genitori, anche se omosessuali, piuttosto che non averne affatto” – questo ha dichiarato il noto esperto di pedagogia Giuliano Pisapia a margine  l’incontro dell’Idv a Vasto.

Nessuno può accusare questo giornale di omofobia, non abbiamo mai scritto una parola contro gli omosessuali; anzi, tutto il contrario. Per evitare inutili polemiche, non abbiamo calcato troppo la mano sul registro coppie di fatto, anche se pensavamo che la  giunta stesse sprecando il suo tempo a realizzare un provvedimento di nessuna utilità, quando le priorità per la città erano altre.

Ma una sciocchezza di tali dimensioni non possiamo proprio non commentarla, esprimendo la nostra assoluta disapprovazione per quanto detto dal sindaco. Si fatica a contenere la rabbia, davanti a tanta leggerezza nel parlare di un argomento delicato come questo.

Cosa vuol fare il signor sindaco? Raccattare un po’ di voti dagli omosessuali  facendo promesse a vanvera come ha fatto in campagna elettorale, farsi bello con il suo capo…? Deve esserci un motivo, un interesse nascosto che lo abbia indotto a fare dichiarazioni del genere perché, in cuor nostro, non vogliamo credere che un padre di famiglia possa dire una cosa del genere credendo che sia vera.

Nemmeno buona parte degli omosessuali sono d’accordo sulla possibilità che si concretizzi qualcosa del genere. Gli psicologi infantili sostengono che ogni bambino, per crescere equilibrato, ha bisogno di avere accanto a sé una figura maschile e una femminile: se Giuliano Pisapia, Nichi Vendola ed un pugno di fanatici la pensano diversamente, noi forse non dovremmo nemmeno essere qui a far loro pubblicità indiretta con le nostre parole.

Pisapia ci faccia il favore di occuparsi di questa città, non perda tempo con questioni che non la attengono: il suo contributo potrebbe renderle solo più gravi di quello che già sono. Due genitori omosessuali, per quanto amorevoli possano essere, non potranno mai garantire a un bambino una crescita emotiva equilibrata. Faccia il bravo, lasci stare, per una volta metta da parte il “vado avanti lo stesso”.

Otello Ruggeri per Milano Post