foibe

Storia di foibe, mele e pistola

25 febbraio 2016 Otello Ruggeri 0

Il Consiglio di Zona 2, ha definitivamente approvato la posa del un monumento dedicato ai Martiri delle foibe. Ora, la parola ripassa alla giunta Pisapia, cui spetta dare l’autorizzazione definitiva all’inizio dei lavori. Nonostante le buone premesse, non è stato un parto indolore. Purtroppo, prima di arrivare al voto, è toccato ascoltare i distinguo di vari esponenti della sinistra arancione. Sono servite tolleranza e pazienza a profusione, per non perdere le staffe davanti alle talvolta ridicole e a volte aberranti teorie esposte. Ammirevoli  gli ospiti venuti a rappresentare le associazioni degli esuli, che dopo settant’anni di offese, riescono ancora ad ascoltare in silenzio sciocchezze del genere.

Foibe

Il dovere della memoria

22 febbraio 2016 Otello Ruggeri 0

Questa è una notizia da annunciare con gioia e compostezza. Rimandando al futuro analisi e riflessioni su quanto accaduto lungo un percorso giunto, oramai, all’ultimo passo. Finalmente. Il 4 Novembre dell’anno passato, Palazzo Marino ha deliberato a favore dell’installazione di un monumento a perenne memoria dei Martiri delle Foibe. Martedì scorso, quindi, le commissioni Cultura e Ambiente del Consiglio di Zona 2, riunite in seduta congiunta, hanno dato il loro parere favorevole. Il provvedimento è stato rimandato in aula Martedì 23 febbraio, per il voto definitivo. Praticamente una formalità, che darà il via alle procedure per la posa dell’opera.

82

MILANO: SVELATO IL PRIMO SPICCHIO DI GALLERIA RESTAURATA. Un bel tuffo nel passato

12 aprile 2014 Otello Ruggeri 0

Sono sempre più rare le occasioni in cui una parte della nostra città viene restituito ai suoi antichi splendori piuttosto che abbandonata al degrado. Il restauro di Galleria Vittorio Emanuele è una di queste, vederne i risultati non può che riempire di gioia qualunque milanese degno di definirsi tale.

nostalgia-anni-80

MILANO. Torneranno mai gli anni Ottanta…?

3 novembre 2013 Otello Ruggeri 0

L’obiettivo di questi articoli storici è sempre stato di fare conoscere antiche storie e tradizioni milanesi, e sembra strano dedicarne uno a quanto accaduto poco più di un ventennio fa: nei fantastici anni “80”. Eppure sono cambiate tante cose,  i più giovani fra voi faticherebbero a credere che quella e questa Milano siano la stessa, soprattutto per il differente spirito con cui si affronta la vita al giorno d’oggi. Venti, venticinque anni che non mi sarei mai immaginato potessero cambiare così  – in peggio – la vita di tutti noi milanesi.

nav3

Milano, se solo la riapertura dei Navigli diventasse realtà…

4 agosto 2013 Otello Ruggeri 0

Settimana scorsa c’eravamo lasciati con la promessa di parlare dei progetti di riapertura dei navigli. Fatta la cernita fra tutti quelli – anche i più fantasiosi – presentati negli ultimi decenni, due sono quelli che possono essere considerati seri e che in qualche modo hanno delle prospettive concrete per il futuro almeno sul piano progettuale.

navigli

Il mistero dei Navigli a Milano: dove la tecnica sopraffina diventava meraviglia

28 luglio 2013 Otello Ruggeri 0

Posso solo immaginare quale fosse un tempo la meraviglia dei viandanti che, giunti a Milano, si trovavano a passeggiare per i tanti canali che percorrevano la città. Oggi, oltre allo stupore di questi viaggiatori di altri tempi, occorre sforzarsi anche di immaginare come fosse quella Milano che in ampia parte esiste oramai solo in vecchie foto sbiadite.  Solo la fantasia ci può consentire di passeggiare fra i navigli quando all’apice di una storia già secolare Leonardo Da Vinci ne curò la definitiva sistemazione.

immag14

Le Coree di Milano: quando i nostri migranti erano italiani

14 luglio 2013 Otello Ruggeri 0

Il viaggio intrapreso alcuni giorni fa per esplorare l’immigrazione selvaggia, che sta interessando in particolare la zona di via Padova a Milano, mi ha suggerito di verificare se nel recente passato della città si siano verificati dei fenomeni simili di eguale portata.

Ligera

STORIA DELLA LIGERA, ULTIMA PARTE – Lutring, la ligera e una storia d’amore

9 giugno 2013 Otello Ruggeri 0

L’arresto di Lutring fece molto scalpore sia in Francia che in Italia. Nonostante l’incredibile numero di rapine commesse non avesse lasciato dietro di sé né morti né feriti, di frequente era ricordato con simpatia dalle sue vittime. Insomma, era diventato un personaggio abbastanza popolare fra la gente comune come quasi tutti i vecchi esponenti della vecchia “ligera”. A contribuire a Luciano-Lutring_h_partb-1-300x179renderlo famoso erano stati l’atteggiamento da guascone, le frasi in dialetto che pronunciava sempre quando “lavorava” nel milanese, la fiabesca storia d‘amore con Yvonne che a Milano conoscevano tutti e di cui si parlava in tutta Italia, ma soprattutto il suo comportamento da ladro gentiluomo. Spesso aveva preteso che fossero pagate le pensioni ai presenti prima di portare a termine la rapine, mentre le compiva aveva sempre un occhio d’attenzione per le anziane vecchine, capitava ci scambiasse qualche battuta ricevendone non di rado in cambio delle sonore sgridate, ma anche in questi casi, se le vedeva in difficoltà non se ne andava mai senza infilargli qualche banconota in borsa.

Ligera

La ligera attraverso gli occhi di Luciano Lutring – Terza Parte

2 giugno 2013 Otello Ruggeri 0

La storia della “ligera” ebbe il suo epilogo nello stesso periodo in cui anche vicenda criminale di Lutring volgeva al termine… A sancirne la fine verso la metà degli anni sessanta fu l’avvento di giovani criminali nati nel primo dopoguerra come, Francis Turatello e Renato Vallanzasca che sentendosi andare strette le regole della malavita vecchio stampo ne stabilirono di nuove dalle quali la violenza non era più esclusa.

Ligera

La storia della ligera, attraverso quella di Lutring… Seconda Parte

26 maggio 2013 Otello Ruggeri 0

Lutring emozionato come un adolescente si allontanò rapidamente dal luogo dove aveva messo a segno la sua prima impresa criminale e sapendosi oramai braccato si diede alla latitanza. Fu in quel periodo che si procurò il mitra che teneva nascosto in una custodia di violino recuperata chissà dove, abitudine che gli valse il soprannome de “il solista del mitra” cosa che sicuramente non soddisfò le ambizioni musicali che avevano per lui i suoi genitori. Questo armamentario stonava un po’ con le tradizioni della “Ligera”, il cui nome secondo alcuni deriva proprio dal definire “leggera” quella criminalità milanese i cui componenti difficilmente si avvalevano dell’uso delle armi. Nonostante questo non tradì mai i principi di non violenza cui lo avevano educato i più anziani, il suo mitra non sparò mai un colpo che non fosse diretto verso il cielo… o verso il soffitto di qualche banca.

Ligera

Dopo la morte di Luciano Lutring, questa è la storia della ligera

19 maggio 2013 Otello Ruggeri 0

La recente morte di Luciano Lutring “il solista del mitra”, uno dei più noti esponenti della “ligera”, la mala che imperversò nella Milano del dopoguerra fino a metà degli anni “70”, ha richiamato l’attenzione su quel mondo popolato di personaggi “romantici” che quasi mai lasciavano vittime sul loro percorso, che tanto stride con la violenza dei criminali che calpestano le strade della nostra città oggi.

1 2 3