18 novembre 2015

vista la lentezza con cui procedono i lavori in consiglio di zona, ho pensato di riunire in un’unica newsletter il resoconto di quelli del 12/11 e del 17/11.

Nel primo, avente 47 punti all’ordine del giorno, solo un paio di note liete: un minuto di silenzio tenuto per i Martiri di Nassirija chiesto dall’opposizione, senza che nessun esponente di sinistra abbandonasse l’aula (come accaduto altrove) e per l’approvazione dei provvedimenti di ripristino e completamento dell’arredo urbano nell’area pedonale prospicente la Cascina De’ Pomi. Il resto della seduta è stato utilizzato per discutere e approvare pareri su permessi a costruire e contributi per iniziative varie poi, dopo avere bocciate le richieste di una manutenzione straordinaria per l’area cani nel Parco Martesana e d’installazione di una fontanella nei pressi dell’anfiteatro del parco stesso (entrambe per mancanza fondi), la maggioranza ha fatto mancare il numero legale mandando tutti a casa con ancora 34 punti da discutere.

Nella seconda seduta, iniziata rispettando un minuto di silenzio per le vittime di Parigi, il numero dei pundi all’Ordine del Giorno – nonostante il pregresso – è risultato ridotto a 20, (13 fra concessioni, patrocini, permessi… e 7 mozioni) visto il proposito della maggioranza di tenere due consigli consecutivi settimana prossima per recuperare il lavoro arretrato. La riunione si è aperta con un simpatico aneddoto verificatosi nel corso della votazione sulla fontanella, che avevo dato per bocciata, ma in realtà non avvenuta, perché proprio su quella era stato fatto mancare il numero legale. Dimenticandosi il parere negativo espresso la settimana precedente, trovandola come è, una buona idea, gli esponenti di centrosinistra hanno votato compatti con l’opposizione approvandone l’installazione, contraddicendo se stessi a riprova di quanto le loro azioni siano dettate da motivi ideologici più che dal volere perseguire il bene comune. La seduta è quindi proseguita con lentezza a causa di alcuni argomenti particolrmente controversi, giungendo al termine senza che fossero esauriti nemmeno i primi 13 punti. Particolarmente dibattuto un articolo del nuovo “Regolamento per l’attuazione dei diritti di partecipazione popolare in materia di Iniziativa popolare” (In parole povere i referendum), che prevede sia concesso il diritto di voto anche: “ai cittadini maggiorenni provenienti da paesi non appartenenti alla Unione Europea, residenti nel Comune di Milano. titolari di permesso di soggiorno…”. Ovvia l’alzata di scudi dell’opposizione, scontata l’approvazione della maggioranza di un provvedimento che si spera sia bloccato ad altri livelli istituzionali.

Inutile dire che in queste due sedute non è stata discussa nessuna delle mozioni presentate su vostra indicazione, in funzione di questo, nella speranza di alleggerire il lavoro del consiglio permettendogli di esaurire gli arretrati nel corso delle prossime due sedute, abbiamo deciso di rimandare di qualche giorno la presentazione di quelle inerenti alle segnalazioni che ci avete fatto nelle ultime due settimane. Nonostante questo, continuate a farci le vostre segnalazioni, ove possibile cercheremo di snellire i tempi di risposta, scavalcando il Consiglio di Zona, rivolgendoci direttamente agli enti interessati a esse quali Amsa, ATM, A2a, Commissariati e Polizia Locale.

Vi invito infine ad assistere alla prossima seduta del Consiglio di Zona 2, che si svolgerà, come annunciato in due sedute consecutive, dalle 19:00 alle 22:30 dei giorni 24 e 25 novembre, nel tentativo di esaurire tutti i 55 punti inseriti nell’Ordine del Giorno.