INTIMATA LA MESSA IN SICUREZZA DI CASCINA CONTI. Un successo per tutta Greco.

cascina conti

Dall’ispezione dei Vigili del Fuoco effettuata a Cascina Conti il 13 ottobre, in seguito all’interrogazione presentata a settembre dal Consigliere Silvia Sardone, sono scaturite delle decisioni dell’amministrazione comunale che renderanno sicuramente felice chi è affezionato a quell’edificio. Va premesso che dalla documentazione fornita si evince che Cascina Conti non è protetta solo dall’affetto dei grechesi, ma anche da un vincolo della Sopraintendenza Regionale per i Beni Culturali che, il 05/04/2014 ha emesso un decreto con cui la dichiara “di particolare interesse storico e artistico“, sottoponendola a tutte le disposizioni di tutela contenute nel decreto Legislativo n° 490 del 29 ottobre 1999.

Preso atto del vincolo e della relazione dei Vigili del fuoco, in cui si dichiara l’edificio “non in immediato pericolo di crollo, ma in avanzato stato di degrado che potrebbe comportarne in futuro di nuovi, a seguito di mancata manutenzione, con conseguenti situazioni di pericolo per l’incolumità pubblica“, la Direzione Centrale per lo Sviluppo del Territorio, ha intimato alla società Borgo Cascina Conti srl, in qualità di titolare degli obblighi convenzionali cioè “il recupero del complesso in parte a funzioni private e in parte a funzioni pubbliche” e proprietaria dello stesso, di mettere in atto quanto segue:

1) Provvedere all’immediata esecuzione di ogni intervento necessario a garantire la messa in sicurezza e la stabilità della struttura ai fini di preservare l’incolumità pubblica.

2) Di trasmettere idonea relazione con dettaglio del crono-programma delle opere da realizzare, preventivamente sottoposte all’approvazione della Sopraintendenza Regionale per i Beni e le Attività Culturali.

3) Di realizzare gli interventi di cui al punto 1, secondo un programma redatto da uno strutturista abilitato e come da crono-programma dei lavori dallo stesso sottoscritto. Tali elaborati dovranno essere autorizzati dalla Sopraintendenza e consegnati a titolo abilitativo all’amministrazione comunale entro venti giorni dall’inizio dei lavori. 

4) Di trasmettere altresì, contestualmente alla comunicazione di fine lavori, idonea perizia statica giurata dell’edificio.

Il documento si conclude con il comunicare alla Borgo Cascina Conti srl che, eventuali danni a persone e cose, derivanti dal mancato rispetto di quanto intimato, saranno a carico della società che ne risponderà nei termini di legge.

Senza voler gioire per un provvedimento che potrebbe sembrare “punitivo” nei confronti della società edificatrice, sicuramente colpita dalla crisi come tutte quelle che operano nello stesso settore, siamo lieti che l’azione congiunta di un’opposizione attenta e di un’amministrazione disposta ad ascoltarla, abbia contribuito a salvare una parte della storia di Greco che rischiava altrimenti di andare perduta per sempre.

Otello Ruggeri per Greco Milanese