MILANO, GLI ARANCIONI SONO VERDI PER FINTA. E fanno rossi i cartelli stradali.

lPasseggiando per le vie del centro di Milano, Giulio Gallera, coordinatore cittadino di Forza Italia, si è imbattuto in qualche cosa che ha attirato la sua attenzione: “Sono apparsi, in concomitanza con l’istituzione dell’isola pedonale, una serie di segnali stradali di colore rosso nei pressi di Piazza Castello”.

“Secondo le disposizioni del codice della strada – spiega Gallera – il colore rosso viene utilizzato per i segnali SOS e INCIDENTE mentre il colore bianco per le strade urbane o per avviare a destinazioni urbane, per indicare gli alberghi e le strutture ricettive affini in ambito. Alla luce di tutto questo ho presentato un’interrogazione urgente per sapere se vi è stata un’esplicita autorizzazione ad utilizzare cartelli diversi da quelli previsti dal codice della strada”.

A preoccupare il Consigliere Regionale di Forza Italia, non è solo l’eventuale mancato rispetto della legge, ma anche la possibilità che “se invece si tratta di un clamoroso errore compiuto dall’amministrazione comunale di Milano e, in questo caso, quanto costerà alla collettività dei milanesi, chi è responsabile e le sanzioni previste”.  Speriamo che come al solito alla fine non tocchi a noi pagare la gestione “artistica” della mobilità cittadina.

10367181_1416111248668036_6773527493428128198_nPer rimanere in tema, o meglio, in zona, riprendiamo  una segnalazione tratta dalla pagina Facebook “Piazza Castello non è una fiera arancione”.  Nell’immagine a lato potete vedere come uno dei prati adiacenti al piazzale che è stato pedonalizzato, sia stato completamente rovinato installandovi  tavoli, panche e gazebo e fa specie pensare che a farlo o permetterlo sia stata una “giunta” che non perde occasione per sbandierare il suo ecologismo militante. A compendio del bel lavoro fatto,  potete notare lo stato di incuria in cui versa la poca erba che ancora può vedere la luce del sole. Condizione che è così motivata dal cartello che vi è stato piantato in mezzo:

Area dedicata alla crescita dei fiori spontanei per lo sviluppo di uno spazio naturale adatto agli insetti impollinatori (api,farfalle,coccinelle) indispensabili alla conservazione dell’ ambiente”.

Non so voi, ma io mi sento preso per i fondelli.

Otello Ruggeri per La Critica